A TUTTO IL PERSONALE ATA

Si ricorda che l’aspettativa per motivi di famiglia non è computata, sia ai fini dell’anzianità di servizio, che ai fini della continuità perché in entrambi i casi è necessario il  "SERVIZIO EFFETTIVO"  e l’aspettativa non è giustificata da situazioni legittimamente protette, come i motivi di salute, lo stato di gravidanza e puerperio o l’assistenza a familiari disabili. 
Le norme di riferimento sono contenute nel C.I.N. sulla mobilità sottoscritto annualmente e che disciplina sia la mobilità volontaria che i trasferimenti d’ufficio e quindi la graduatoria interna per l’individuazione dei perdenti posto. 
 Tabella E  di cui al contratto :  stabilisce i titoli e servizi valutabili ed in particolare per il punto A) relativo alla valutazione del servizio di ruolo prestato nel profilo di appartenenza alla nota 2) indica che sia valutato il periodo coperto da decorrenza giuridica della nomina purchè sia stato prestato effettivo servizio nello stesso profilo professionale. La nota aggiunge che è comunque valutabile il servizio prestato in scuola diversa da quella di titolarità da parte del personale responsabile ammnistrativo o assistente amministrativo a seguito di utilizzazione , ai sensi dell’art. 11 bis del contratto nazionale integrativo 13/06/2005 e successivi, per la sostituzione del DSGA. Inoltre nella nota è specificato che non interrompe la maturazione del punteggio la fruizione del congedo biennale per l’assistenza a familiari con grave disabilità di cui all’art. 5 del D.L. vo 151/2001 e successive modifiche ed integrazioni. 
La nota 4 della tabella che fornisce precisazioni per la valutazione della continuità del servizio nel profilo e nella scuola di titolarità (di cui ai punti C e D della tabella) si riferisce anch’ essa al servizio effettivo, ma con alcune eccezioni relative però solo a periodi di aspettativa per motivi di salute, per gravidanza e puerperio, per servizio militare di leva o servizio sostitutivo civile, per mandato politico, esoneri, comandi, aspettative sindacali, o per utilizzazione o trasferimento in altra scuola in quanto soprannumerario per la fruizione del congedo biennale per assistenza a familiari disabili. Tra tutte le eccezioni non è compresa l’aspettativa per motivi di famiglia prevista dall’art. 18 del contratto nazionale di lavoro, che quindi non è computata nell’anzianità di servizio e interrompe la continuità dello stesso. 
 

 
Logo Società Tuv
Sistema Qualità
certificato
secondo la norma
UNI EN ISO 9001:2015